applicazioni

Controllo del livello delle acque: lago Maggiore

Galleria Immagini La Protezione Civile ha l'importante compito di vigilare sul territorio nazionale, in modo da prevenire, e prendere rapidi provvedimenti in caso di disastro naturale. Uno dei disastri naturali più comuni è l'allagamento e lo straripando dei corsi d'aqua oltre i loro argini. Per evitare che questo avvenga, sarebbero oppurtune metodologie automatiche che possano monitorare 24 ore su 24 l'altezza dei fiumi e laghi per cui esiste un rischio concreto di tracimazione.

Meteopoint puo venire incontro a queste esigenze. Il caso ora analizzato ci illustrerà come

La Protezione Civile di Lesa (NO), ci  aveva richiesto una stazione che monitorasse costantemente alcuni parametri del lago Maggiore (sopratutto il  livello dell'acqua), per predire e prendere immediati provvedimenti nel caso le piogge stagionali ingrossassero troppe le acque del lago. L'installazione che Meteopoint ha montato esegue alla perfezzione il compito.

La base dell'installazione  è una Stazione Meteorologica Professionale certificata iso9001 con i seguenti componenti:

  • sensori  anemometro , pluviometro, termoigrometro , barometro e radiazione solare.
  • scheda aquisitore/trasmettitore per la raccolta dei dati e Modem router GPRS integrata per l'invio dei dati al server centrale.

La stazione viene alimentata attraverso corrente elettrica tramite cavo.
La stazione installata possiede sensori di alta qualità e ha la capacità di fornire i dati misurati  in tempo reale. L'aquisitore/trasmettitore campiona i dati rilevati ogni secondo e gli invia al server centrale per l'integrazione  dopo un tempo stabilito dall'utente (lo standard è ogni 15 minuti). Avere dati sempre a portata di mano dati  costantemente aggiornati è fondamentale per una centralina che ha anche compiti di sicurezza, come quella montata a Lesa (NO). In situazioni di emergenza anche una decina di minuti possono fare la differenza.
Il Modem GPRS, inoltre, garantisce connettività ovunque e in qualsiasi momento,  visto che la rete mobile copre completamente tutto il territorio nazionale.

Alla stazione standard sono stati collegati altri due sensori. Il primo è un sensore di temperatura per il monitoraggio della temperatura dell'acqua del lago.
Il secondo sensore è quello che svolge il compito principale richiesto dalla Protezione Civile di Lesa.  Si tratta di un sensore di livello di tipo radar. Posizionato a sbalzo su una terrazza prospicente la superficie del lago, invia brevi inpulsi di microonde in direzione di essa. A seconda del tempo  inpiegato dall'onda riflessa per ritornare indietro, è in grado in qualunque momento di calcolare con precisione l'altezza dello specchio d'acqua. La misurazione non risente di condizioni esterne quali temperatura, pressione e polvere. La precisione della misurazione è aumentata da uno speciale sistema di elaborazione che tende ad eliminare tutti i possibili eco di disturbo.

Tramite questo sistema, e grazie alla perfetta integrazione di questo sensore con la stazione installata, l'altezza del lago è monitorata in ogni momento, e l'evoluzione di questo dato nel tempo viene memorizzato sul server web preposto. La Protezione Civile è quindi in grado, attraverso i dati forniti dal sensore di livello, di poter effettuare previsioni sull'evolversi della situazione, e prevedere in tempo eventuali rischi di inondazioni. In tal modo può sempre agire con anticipo per evitare che il disastro avvenga, o almeno i suoi effetti vengano ridotti.

Di seguito un esempio della nuova interfaccia web per la visualizzazione dei dati prodotti dalle centraline.