applicazioni

Sorveglianza di aree Pubbliche

La sorveglianza di aree pubbliche tramite apparecchiature video è entrata a far parte della nostra vita quotidiana. Sistemi sempre più complessi, complicati e intelligenti controllano che non si svolgano attività illecite all'interno di supermercati, scuole, parchi, ecc.

Ma anche all'esterno di questi spazi comuni. Meteopoint, con il suo know-how, non è solo in grado di progettare, fornire e installare questi impianti, ma garantisce un alto grado di personalizzazione, integrandoli discretamente con le infrastrutture esistenti in loco.

Un esempio che evidenzia tali capacità è l'impianto che Meteopoint ha installato presso la sede di Udine dell'Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (ERDISU), nell'edificio che ospita anche la "casa dello studente" di Udine. Tale impianto si è reso necessario nell'ambito del "Progetto sicurezza urbana e territoriale” redatto dalla Protezioni Civile della Regione FVG.

La chiave della funzionalità del sistema è l'integrazione con le infrastrutture esistenti. Le infrastrutture informatiche e gli impianti elettrici non hanno subito modifiche invasive, così come quelle civili. La presenza di cavidotti in vista all'esterno dell'edificio è stata ridotta al minimo indispensabile e, all'interno, non c'è nulla che possa far pensare ad un intervento così importante.

Il sistema si compone principalmente dei seguenti apparati:

  • 8 videocamere dome PTZ Samsung analogiche ad alta risoluzione da esterno con zoom ottico 27x
  • 2 videocamere fisse Samsung analogiche ad alta risoluzione da esterno
  • 10 encoder video-IP Axis a 1 canale
  • 1 registratore digitale NVR Arteco 6000.

Le videocamere da esterno Samsung analogiche uniscono ottime prestazioni ad un costo contenuto: capacità di inviare immagini ad alta risoluzione, grande resistenza all'uso in esterni e lenti varifocali sono solo alcune delle caratteristiche che, unite ai numerosi vantaggi della trasmissione TCP/IP, le rendono una soluzione vincente.

Gli encoder video-IP Axis, infatti, trasformano ciascuna delle 10 telecamere analogiche in una flessibile ed efficiente IP-Camera, unendo di fatto i pregi delle 2 tecnologie. La decentralizzazione degli encoder ha permesso di non effettuare costose opere di aggiornamento delle infrastrutture, in quanto su un singolo cavo LAN passano sia le immagini sia tutte le informazioni scambiate con l'NVR (spostamenti PTZ, variazione di focale e iride, ecc).

Altro apparato fondamentale del sistema è, appunto, il registratore digitale NVR Arteco 6000, che gestisce fino a 72 canali IP. Il software in dotazione permette personalizzazioni e impostazioni molto avanzate e dispone di algoritmi innovativi che permettono di riconoscere emergenze o attivare allarmi al verificarsi di condizioni particolari. In caso di necessità è pure possibile inviare allerte via e-mail. Tutte le registrazioni vengono sovrascritte automaticamente ogni 7 giorni così da rispettare le normative sulla privacy vigenti.